Apricena, agguato sulla provinciale “36”: sale a due il numero dei morti

Dopo Michele Padula, ammazzato sul colpo, è deceduto all’ospedale di San Severo anche lo zio Giuseppe

 giuseppepadula

APRICENA – Sale a due il numero dei morti nell’agguato avvenuto oggi sulla provinciale “36” che da Apricena porta a San Paolo di Civitate. Dopo Michele Padula, 28enne di Apricena, ucciso sul colpo, è deceduto anche suo zio, Giuseppe Padula (nella foto di Daunianews), 47enne, che si trovava ricoverato in gravi condizioni nel reparto rianimazione dell’ospedale “Masselli-Mascia” di San Severo. Michele e Giuseppe Padula, erano rispettivamente figlio e fratello di Vincenzo Padula. Giuseppe e Vincenzo vennero condannati entrambi all’ergastolo per duplice omicidio degli allevatori Michele e Matteo Russo, rispettivamente suocero e cognato di Guido Padula, a sua volta ucciso in un agguato insieme a una giovane amica, padre e figlio, scomparsi il 2 novembre 2001 e ritrovati nell’agosto 2009 in un inghiottitoio di San Marco in Lamis. Entrambi poi vennero scarcerati per scadenza dei termini di custodia cautelare. Vincenzo comunque ora detenuto perchè sta scontando un cumulo di pene. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+