Apricena, borse lavoro: attivati oltre 40 cantieri pubblici

Apricena, borse lavoro: attivati oltre 40 cantieri pubblici

APRICENA – Sono oltre 40 i piccoli cantieri pubblici in partenza dell’Amministrazione comunale con l’attivazione del progetto “Borse Lavoro”. Diversi spazi urbani saranno riqualificati grazie al lavoro di apricenesi disoccupati o inoccupati. “Anche in questa occasione – spiegano il sindaco Antonio Potenza e l’assessore ai Lavori Pubblici Paolo Dell’Erba – abbiamo messo in campo una importante misura che da un lato migliora la nostra Città e dall’altro dà un sostegno a tanti Concittadini senza lavoro”.

I cantieri sono stati aperti seguendo le richieste arrivate al protocollo comunale. “Come da nostra abitudine – rimarcano Potenza e Dell’Erba – abbiamo dato spazio alle istanze giunte direttamente dai nostri Concittadini al protocollo comunale. Nel massimo della trasparenza è stata stilata in delibera comunale una apposita graduatoria di interventi che saranno realizzati nei prossimi mesi entro la fine di questo turno di lavoro.”

“Pertanto – proseguono Potenza e Dell’Erba – invitiamo sempre gli apricenesi a fare le loro segnalazioni, compilando l’apposito modulo presente negli uffici comunali. Con i tempi necessari potremo realizzare ancora altri interventi, senza alcun favoritismo, ma sempre seguendo la graduatoria delle richieste”.

“Ancora una volta grazie a questa misura – vanno avanti i due amministratori – diamo una risposta concreta alla grave crisi occupazionale che da anni colpisce Apricena e tutto il nostro territorio, con centinaia di concittadini che saranno impiegati attraverso le “Borse Lavoro””. Cittadini, ricordano Potenza e Dell’Erba, “che vengono contattati dall’azienda che si è aggiudicato l’appalto per la gestione dei cantieri seguendo la graduatoria stilata dai servizi sociali. Una graduatoria che si forma tramite l’avviso pubblico che ogni anno il Comune presenta, da quando c’è la nostra Amministrazione, per dare a tutti i cittadini interessati una opportunità di essere contattati per lavorare, in maniera totalmente trasparente”, concludono Potenza e Dell’Erba.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+