Avellino, truffano decine di giovani imprenditori: denunciati due foggiani

Creata con una complice un’organizzazione che prometteva guadagni nell’acquisto in franchising di servizi postale e finanziari

 

 

 

 

AVELLINO – Nella loro rete sono caduti decine di giovani imprenditori che hanno investito somme dai 10 ai 100mila euro per affiliarsi a due società, una delle quali con sede a Milano, di fatto inesistenti, per la vendita di giochi on line. Una rodata organizzazione, operante in diverse città italiane, che prometteva allettanti guadagni nell’acquisto in franchising di servizi postale e finanziari. E’ la truffa scoperta dalla Guardia di finanza di Ariano Irpino (Avellino), con autori un 50enne di Foggia, un 51enne di Biccari e una 30enne di Avellino. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Ariano Irpino hanno accertato che i giochi non erano registrati e che i Monopoli dello Stato non avevano mai rilasciato alcuna autorizzazione. La truffa è stata scoperta dopo un’indagine sul lavoro sommerso che aveva riguardato una delle società con sede in Ariano Irpino. Ai tre indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa commerciale sono stati sequestrati conti correnti, titoli, carte di credito e bancomat a Torre del Greco (Napoli), Roma, Milano, Avellino, Bologna, Lecce e Biella, interrompendo l’attività truffaldina già avviata in diverse regioni.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+