Bari, grano duro: Gatta presenta nuova interrogazione ad Emiliano

Bari, grano duro: Gatta presenta nuova interrogazione ad Emiliano

BARI – Il consigliere regionale foggiano Giandiego Gatta ha presentato una nuova interrogazione sul crollo dei prezzo del grano duro per sapere se la regione intenda intervenire a sostegno del settore in crisi, anche a seguito dell’arrivo del grano straniero sul mercato nazionale.  “Abbiamo assistito e sostenuto la protesta delle rappresentanze del mondo agricolo contro il crollo dei prezzi del grano duro e l’arrivo di decine di migliaia di tonnellate di grano canadese. Tutto il mondo istituzionale ha espresso solidarietà ai lavoratori del mondo cerealicolo, ma ancora non siamo a conoscenza delle determinazioni della Giunta regionale: per questo, ho depositato la seconda interrogazione diretta al presidente della Regione e all’assessore all’Agricoltura, per sapere se il governo pugliese intenda avviare iniziative concrete di supporto al settore”. Lo annuncia il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “La Puglia – aggiunge – è la prima produttrice in Italia di grano duro con il circa 20% dell’intera produzione nazionale. La contrazione dei prezzi e l’inserimento nel mercato di prodotto straniero, sta determinando una crisi senza precedenti. Arriva grano estero nel nostro Paese per realizzare pasta che poi verrà commercializzata come ‘made in Italy’, anche se di italiano ha molto poco! Una forma di concorrenza sleale su cui l’Unione Europea non è ancora intervenuta. Mi auguro – conclude Gatta – che il governo pugliese non sia sordo al grido di dolore dei lavoratori e metta in campo misure in grado di arginare la crisi del settore, prima che si infiammi anche una legittima protesta”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+