Bari, royalties del metano: pioggia di euro per il Preappennino dauno

L’assessore regionale Di Gioia: “Il territorio risarcito dopo anni di attesa”

 

BARI – Royalties del metano: dalla Regione quasi 7 milioni a 7 centri del Preappennino dauno. Alberona 373.671,80; Ascoli Satriano 767.393,82; Biccari 1.696.911,70; Candela 696.023,36; Deliceto 2.477.361,38 Sant’Agata di Puglia 83.624,04; Volturino 808.897,76).  La giunta regionale, anche a seguito dell’iniziativa dell’assessore al bilancio, Leonardo Di Gioia, che ha reperito nel bilancio le risorse occorrenti, ha varato, su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, Loredana Capone, una delibera che definisce la ripartizione e le linee guida per l’utilizzo delle somme derivanti dall’estrazione di idrocarburi nel Preappennino dauno. “Un provvedimento importante su un tema cruciale per il nostro Preappennino – commenta Leonardo Di Gioia -. Le somme che vengono finalmente restituite al territorio dopo essere finite per anni nei residui inutilizzati del bilancio, possono avere un impatto importante per la loro destinazione. Realizzare o completare l’infrastrutturazione materiale ed immateriale delle aree di insediamento produttivo migliora l’attrattiva di quei Comuni per gli investimenti e genera dinamiche virtuose per lo sviluppo economico ed occupazionale. Sono lieto” conclude Di Gioia “di avere contribuito all’adozione di questa delibera. Anche questi atti, attesi per un quinquennio, confermano l’apertura di una fase nuova nei rapporti fra la Regione e la Capitanata”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+