Biccari, chiudono le edicole: 5 minuti di buio per protesta

Il sindaco Mignogna: “Togliere i giornali nei nostri piccoli Comuni è come spegnere loro la luce”

BICCARI – La chiusura delle edicole in 15 centri dei Monti Dauni non piace. “Togliere i giornali (e l’informazione) nei nostri piccoli Comuni è come spegnere loro la luce. Per questo motivo, in segno di protesta pacifica contro la chiusura delle edicole, domenica sera dalle ore 20.55 alle 21, interromperemo la pubblica illuminazione”. Così il sindaco di Biccari, Gianfilippo Mignogna, in seguito all’annuncio dell’azienda di diffusione Lobuono, che dal 14 ottobre non rifornirà più le edicole dei Monti Dauni.  “Il Comune di Biccari – prosegue Mignogna – si associa alle proteste degli edicolanti e dell’associazione di categoria, per questa vera e propria offesa alla libera circolazione dell’informazione, rivendicando il rispetto di ogni accordo da parte della ditta di distribuzione Lobuono. La chiusura delle edicole rappresenta uno schiaffo culturale, oltre che morale, agli abitanti dei nostri piccoli centri e un nuovo triste campanello d’allarme su come è trattato il nostro territorio”. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+