Bologna, una targa in onore di Andrea Pazienza

L’omaggio nel giorno dell’anniversario della nascita del fumettista sanseverese

annivpaz

 

BOLOGNA – Bologna ha reso omaggio Andrea Pazienza. Nel giorno dell’anniversario della nascita del poliedrico artista pugliese, il sindaco Virginio Merola ha officiato la presentazione di una targa in suo onore in via Emilia 223, nella residenza in cui visse “Paz” e che ritorna in molte delle sue opere. All’iniziativa, promossa dal Comune di Bologna, Coop Adriatica e Centro Antartide, hanno preso parte i familiari di Pazienza, così come il sindaco di San Severo, Gianfranco Savino, “la città del mio pensiero” come la definì lo stesso Pazienza e in cui tuttora riposa per sua espressa volontà. La cerimonia si è aperta con i saluti del sindaco di San Severo, Gianfranco Savino, che ha omaggiato Merola e la città di Bologna con una targa raffigurante Palazzo Celestini, sede del comune. Il primo a prendere la parola è stato Marco Pollastri che, in rappresentanza del Centro Antartide, ha sottolineato l’importanza per Bologna di proseguire nel ricordo chi ha reso culturalmente grande la città, definendo Pazienza come “un artista unico, capace di appassionare generazioni intere di giovani”.
Toccante il ricordo di Michele Pazienza che proprio in quell’appartamento visse accanto al fratello. “Se per controcorrente si intende avere coraggio, Andrea ne ha avuto da vendere”, ha voluto rimarcare il fratello, chiudendo l’iniziativa con un pensiero sul legame dell’artista col capoluogo emiliano “ha sempre descritto Bologna senza remore, raccontandola in tutti i suoi aspetti. E Bologna l’ha sempre accompagnato”.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+