Cerignola, Cisl in campo contro le retribuzioni e i bonus dei manager

Lunedì appuntamento in corso Moro per una raccolta firme

CERIGNOLA – Istituire un tetto massimo per le retribuzioni e i bonus dei “top manager”. E’ la proposta della Fiba Cisl (Federazione italiana bancari ed assicurativi) che ha avviato una raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare che imponga limiti massimi agli emolumenti degli alti dirigenti di Spa quotate in borsa. Lunedì 9 settembre, la raccolta farà a tappa a Cerignola. In corso Moro, nello spazio adiacente al Comune, dalle ore 9 alle 20, sarà presente un gazebo dove sarà possibile avere maggiori informazioni e firmare la petizione. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Usc Cisl di Cerignola, coordinata da Giuseppe Conte. La proposta di legge prevede un limite delle retribuzioni di 294mila euro annui, con progressione annuale pari all’aumento dell’indice del costo della vita dell’Istat. Nel totale, la componente fissa e quella variabile non potranno superare i 588mila euro all’anno. Inoltre,  nella legge di iniziativa popolare è prevista l’abolizione dei bonus all’uscita, di tutte le altre  indennità nonché dei contratti di consulenza da parte di società dello stesso gruppo.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+