Cerignola, Curiello rieletto presidente del consiglio comunale

Circa venti giorni fa era stato arrestato e subito scarcerato nell’ambito dell’operazione “Pegaso”

 curiello

 

CERIGNOLA – Natale Curiello (nella foto) è stato rieletto presidente del consiglio comunale. Circa venti giorni fa era stato arrestato e subito scarcerato nell’ambito dell’operazione “Pegaso”. Il rappresentante dell’Udicap, che ha votato scheda bianca, mentre il sindaco Antonio Giannatempo non ha preso parte alla votazione – ha ottenuto 19 preferenze, mentre 10 sono state le schede bianche. Due consiglieri di minoranza, tra cui Gianni Ruocco dei “Moderati per Tonti”, si sono uniti alla maggioranza nel riproporre nuovamente il nome di Curiello, a tre settimane di distanza dai fatti giudiziari che lo avevano coinvolto. Curiello si era immediatamente dimesso dal suo incarico, incassando l’apprezzamento della maggioranza e delle opposizioni,  secondo la quale la decisione del presidente di lasciare il suo posto aveva evitato un coinvolgimento del Consiglio comunale nella vicenda giudiziaria. A stretto giro di posta erano stati revocati prima, dalla magistratura, la misura cautelare degli arresti domiciliari, poi il provvedimento di sospensione da parte del prefetto, tanto da portare i partiti della  maggioranza ad annunciare la rinnovata fiducia a Curiello e la sua rielezione non appena ve ne fossero state le condizioni. “Spero che Natale Curiello possa lasciarsi alle spalle il prima possibile questa vicenda – ha detto il sindaco Antonio Giannatempo -. La giustizia, che deve fare il suo corso, dimostrerà inequivocabilmente la sua totale innocenza, della quale tutti noi siamo certi. La sua conferma alla guida del Consiglio Comunale è la dimostrazione più tangibile della stima generale di cui gode, stima che merita ampiamente per la capacità di gestione dei lavori assembleari ed il senso delle istituzioni che ha contraddistinto in questi tre anni la sua azione politica”. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+