Cerignola, falsi braccianti: arrestato imprenditore agricolo

L’accusa è di truffa aggravata ai danni dell’Inps

 

cccar1

 

 

CERIGNOLA – Truffa aggravata ai danni dell’Inps attraverso l’erogazione, tra il 2009 ed il 2012 di indennità di disoccupazione, di maternità e di malattia, destinate a 134 falsi braccianti. Con questa accusa i carabinieri del Nil di Foggia hanno arrestato Lorenzo Mininno, imprenditore agricolo di 59 anni, in esecuzione di una misura cautelare emessa a di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia. Nel dettaglio l’attività di polizia giudiziaria supportata dai fondamentali riscontri acquisiti presso la direzione provinciale dell’Inps di Foggia, ha permesso di accertare che i 134 rapporti di lavoro, e le relative 12.246 giornate lavorative, erano fittizi, pur avendo consentito ai destinatari delle provvidenze, di incassare indebitamente erogazioni previdenziali ed assistenziali per un totale di 280.504,40 euro. Gli inquirenti hanno inoltre accertato una evasione contributiva di 168.807,04 euro. L’arresto si inserisce in una attività investigstiva che da tempo il nucleo carabinieri ispettorato del Lavoro di Foggia, coordinato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia,  sta conducendo in ordine ai diversi risvolti penali del “fenomeno del bracciantato fittizio”. Per tale attività è fondamentale il contributo fornito dalla Direzione provinciale dell’Inps di Foggia. Mininno è stato posto ai domiciliari.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+