Cerignola, forconi: sale la tensione

Il sindaco: “Giuste le rivendicazioni, ma rispettare la libertà di tutti”

CERIGNOLA – Nelle prossime ore i blocchi sulle principali strade di accesso a Cerignola verranno rallentati. Oggi riapriranno i negozi che vendono beni di prima necessità deperibili, mentre i titolari delle restanti attività commerciali saranno liberi di decidere se tenere aperti o meno i propri negozi. I venditori ambulanti non terranno il tradizionale mercato settimanale del mercoledì per sostenere la protesta dei manifestanti; allo stesso modo le banche saranno chiuse. Saranno invece aperte le scuole, ma gli alunni degli istituti superiori hanno deciso di scioperare. Da piazza Duomo partirà una manifestazione che attraverserà le strade principali della città. E’ quanto emerso dall’ incontro tra il Sindaco e i coordinatori della protesta che sta coinvolgendo anche Cerignola in questi giorni, in seguito all’iniziativa nazionale del movimento dei forconi. Poco prima dell’incontro con la  delegazione dei manifestanti, il sindaco Antonio Giannatempo si era rivolto alla folla radunatasi in piazza della Repubblica, di fronte al Palazzo di Città, per chiedere il sostegno della stessa Amministrazione allo sciopero. Il sindaco ha garantito il sostegno dell’Amministrazione comunale, ma anche chiesto di “lasciare liberi i commercianti di decidere se tenere aperti o meno i propri negozi e di allentare i blocchi stradali per non danneggiare gli autotrasportatori fermi da ore sulle principali strade di accesso alla città”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+