Cerignola, interporto: i dubbi del Pd

Il segretario Sgarro: «Giannatempo chiarisca subito in consiglio»

 

CERIGNOLA – Chiarezza sull’interporto. La chiede il Pd di Cerignola su presunte voci che arrivano da un’azienda di Chivasso, intenzionata all’acquisto dell’interporto di Cerignola. «Si tratterebbe – evidenzia il segretario Tommaso Sgarro –  di un’azienda in procinto di chiudere. Tutti questo condizionali sono d’obbligo, perché da Palazzo di Città non trapela nulla e la vicenda è avvolta da una cortina piuttosto fumosa». Il segretario cittadino va oltre. «Perché  qualcuno dovrebbe acquistare un’azienda forte e in salute come pare fosse la “Vasas” di Chivasso, pare a una cifra piuttosto bassa, per poi decidere nel giro di pochi mesi di chiuderla e pensare di acquistare (non si capisce a che prezzo), praticamente un rudere come l’Interporto di Cerignola a 900 km di distanza? Cosa c’è sotto?»  
Sgarro invita il sindaco Antonio Giannatempo a fare subito chiarezza in consiglio comunale. Il Pd si farà promotore di un’interrogazione urgente sul caso. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+