Cerignola, passa il bilancio: ma che fatica

Con uno scarto risicatissimo in favore della maggioranza

 

CERIGNOLA – Il consiglio comunale di Cerignola ha approvato oggi il bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2013, il  bilancio pluriennale e la relazione previsionale e programmatica 2013/2015. Risicatissimo lo scarto in favore della maggioranza. Quindici i voti favorevoli, 14 quelli contrari; tra questi, oltre alle minoranze del Pd, La Cicogna e Moderati per Tonti, anche quelli dei consiglieri di maggioranza De Feudis, Laguardia e Netti. Il totale complessivo delle entrate, per quanto riguarda il bilancio 2013, ammonta a 162.699.474,53 euro. Le entrate tributarie sono pari a 24.889.681,26 euro; i trasferimenti erariali a 9.638.512,33 euro; le entrate extratributarie a 2.704.345,80 euro; ben 95.436.723,99 euro provengono invece da alienazioni, trasferimenti di capitale e riscossione di crediti. Per quanto concerne le spese finali, quelle correnti sono pari a 33.383.655,22 euro; mentre le spese in conto capitale raggiungono quota 97.070.619,29 euro. Centrato l’obiettivo del rispetto del Patto di Stabilità: il saldo finanziario effettivo è di 9.304.038,04 euro, contro un obiettivo programmatico fissato a 1.656.131,41 euro, per uno sbilancio a favore del Comune di 7.647.907 euro. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+