Cerignola, sequestrata piantagione di droga in un vigneto: un arresto

Cerignola, sequestrata piantagione di droga in un vigneto: un arresto

CERIGNOLA – Nell’ambito dell’attività di prevenzione, nella serata del 21 settembre, la polizia ha arrestato Biancofiore Paolo (1965), cerignolano, per produzione di ingente quantitativo di sostanza stupefacente, nonché detenzione di materiale per il confezionamento delle dosi.
Gli operatori si sono recati presso la casa rurale dell’uomo, a circa 15 chilometri dall’abitato di Cerignola, avendo elementi per ritenere che lo stesso potesse occultare sostanza stupefacente.
Sul posto si accertava la presenza di Biancofiore, che stava nella parte posteriore della casa rurale, sotto un vigneto, armeggiando nelle vicinanze di alcune piante, alte circa due metri, presumibilmente marijuana.
Gli agenti, bloccato Biancofiore e constatato che le piante erano effettivamente di marijuana, proseguivano la perquisizione all’interno della casa rurale e rinvenivano, in una stanza adibita ad essiccatoio, stufe elettriche, lampada alogena, filo di ferro utilizzato per appendere le piante e farle essiccare con una sola pianta appesa.
Nella camera da letto, all’interno dell’armadio, si riveniva una busta di plastica opaca, con all’interno sostanza stupefacente del tipo marijuana, dal peso complessivo pari a 95 grammi circa e altro materiale per il confezionamento, nonché un bilancino di precisione.
La perquisizione, nel contempo, veniva effettuata da altro personale anche presso l’abitazione di residenza di Biancofiore in Cerignola, dove si rinveniva, in terra, all’interno del soggiorno un contenitore di plastica con al suo interno cinque buste di plastica opaca, identiche a quelle rinvenute in campagna, con all’interno sostanza stupefacente del tipo marijuana, dal peso complessivo pari a grammi 350 circa.
Biancofiore confermava la proprietà della sostanza rinvenuta in campagna e di quella rinvenuta presso l’abitazione in Cerignola .
Il numero totale delle piante rinvenute in campagna ammonta a 255 con un peso complessivo pari a 1470 chilogrammi.
L’arrestato è stato tradotto presso la locale casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display