Cerignola, sette arresti per evasione, detenzione di droga e ricettazione

Cerignola, sette arresti per evasione, detenzione di droga e ricettazione

CERIGNOLA – I militari, durante controlli di soggetti sottoposti ad obblighi, hanno arrestato Mazza Pasquale, cerignolano classe 1965, per violazione delle prescrizioni di sorveglianza speciale cui era sottoposto. Lo stesso, infatti, è stato sorpreso alla guida della propria autovettura violando la prescrizione in tal senso.

I carabinieri in un’altra operazione hanno arrestato Curci Antonio, di Cerignola classe 1994, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari, a seguito di perquisizione personale, estesa poi anche all’abitazione dell’arrestato, hanno sequestrato 100 grammi di marijuana e 50 di hashish.

A Trinitapoli, i militari hanno arrestato per evasione Lombardi Giovanni, nato a Trinitapoli, classe 1970. Il soggetto è stato sorpreso all’esterno della propria abitazione dove si trovava sottoposto alla detenzione domiciliare per omicidio, resistenza a pubblico ufficiale, porto e detenzione abusiva di arma da fuoco.

Sempre a Trinitapoli i carabinieri hanno rintracciato e tratto in arresto Capolongo Vincenzo, nato a Milano classe 1971, in esecuzione di un ordine di carcerazione, dovendo espiare una pena residua di 7 mesi e 27 giorni di reclusione per furto aggravato, commesso a Trinitapoli il 7 aprile 2015. 

A Stornarella i carabinieri hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Giampetruzzi Luigi classe 1976, Babbo Francesco classe 1959 e Pellegrino Francesco classe 1953, tutti baresi, per ricettazione di autoveicoli. In particolare, i militari della locale stazione hanno notato uno strano movimento di autoveicoli in una zona di campagna tra Stornarella ed Ascoli Satriano. Dopo un servizio di osservazione hanno deciso di intervenire, bloccando e sottoponendo a controllo i tre uomini che, arrivati con tre autovetture, stavano andando via a bordo di una di queste. Dal successivo controllo è emerso che le due autovetture, opportunamente nascoste alle spalle di un rudere, erano state rubate a Bari nei giorni precedenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display