Lucera, omicidio Belfiore: si consegna l'assassino PDF Print E-mail
Mercoledì 08 Agosto 2012 14:08

E' un camionista, all'origine del fatto di sangue una lite davanti a un bar


 

 

LUCERA - C'è un fermo per l'omicidio di Aldo Belfiore, di 49 anni, e il tentato omicidio di Antonio Palmadessa, di 47 anni avvenuti ieri sera in un podere lungo la strada per Troia, in contrada "Centrogallo". Sarebbe un camionista la cui identità non è stata ancora rivelata dai carabineiri che indagano sul caso. Nella tarda serata di martedì, l'uomo si è consegnato ai militari della locale compagnia ma a quanto pare negando ogni addebito nel corso dell'interrogatorio con il pubblico ministero durante il quale si è avvalso della facoltà di non rispondere. Alla base del fatto di sangue pare ci sia un litigio tra il presunto assassino e il ferito avvenuto poche ore prima davanti a un bar quando l'aggressore avrebbe fatto apprezzamenti sulla figlia di Palmadessa vero obiettivo del raid, poi lil tragico epilogo in campagna. Palmadessa, ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Foggia: l'aggressore gli avrebbe sparato contro tre colpi con una pistola non ancora ritrovata colpendo all'addome. Peggio è andato a Belfiore che era in compagnia dell'amico e colpito anch'egli da più colpi: è morto all'istante.