Il Foggia ad Ascoli in cerca di riscatto

Il Foggia ad Ascoli in cerca di riscatto

“Dobbiamo avere la cattiveria giusta e dare di più”. E’ questo il monito, che ha il sapore di riscatto, fatto stamane dal tecnico rossonero nella conferenza stampa alla vigilia di Ascoli – Foggia. Determinazione, condizione psicologica recuperata, infermeria quasi svuotata e pubblico come sempre molto presente. Gli ingredienti per espugnare lo stadio “Cino e Lillo Del Duca” ci sono tutti. Oltre tre mila i tagliandi venduti, nel settore ospiti, per la partita “post – terremoto” della settimana scorsa. Dopo il valzer di dimissioni ed esoneri in seguito alla sconfitta in casa di otto giorni fa, il Foggia tenta di rialzarsi con dignità e caparbietà. La volontà di tutti – società, giocatori, allenatore e tifosi – è quella di risalire la classifica e risollevare il morale. Il tutto si svolgerà nel solco del ricordo. Infatti domani la squadra e l’intero staff scenderà in campo con una maglietta in ricordo delle 67 vittime morte diciotto anni fa nella tragedia del crollo di una palazzina in viale Giotto. I fratelli Sannella, con una nota, fanno sapere: “Il Foggia Calcio è parte integrante della comunità foggiana, e per noi è un dovere commemorare questo terribile evento che ha segnato per sempre Foggia ed i foggiani”. Il fischio d’inizio del signor Antonio Rapuano, della sezione di Rimini, è previsto alle 15.00. Sono otto i precedenti in terra marchigiana tra l’Ascoli il Foggia Calcio. Il primo risale al 1928 e la vittoria andò ai satanelli. Lo stesso accadde nel 1931. Il primo ed unico pareggio tra le due compagini si verificò nel 1954. Ascoli e Foggia si sono sfidate per l’ultima volta nel campionato di Serie C1 nel 1998 e ad avere la peggio fu la squadra ospite. Ritornando alla gara di domani c’è da segnalare l’assenza, tra i convocati, di Gerbo (squalificato), Floriano e Figliomeni. Il capitano Agnelli è ritornato disponibile al 100%, così come Martinelli e Deli, che hanno accusato in settimana solo un affaticamento. La possibile formazione che schiererà mister Stroppa, restando presumibilmente fedele al suo 4-3-3, potrebbe vedere Guarna tra i pali. Difesa con Loiacono, Camporese, Coletti, Celli. In mezzo al campo Deli, Vacca, Agazzi mentre in avanti potremmo trovare Beretta, Mazzeo e Chiricò.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+