Foggia, al via la rassegna e mostra “La città visibile” di Giuliana Mariniello

Foggia, al via la rassegna e mostra “La città visibile” di Giuliana Mariniello

FOGGIA – Taglio del nastro venerdì 28 ottobre, con inizio previsto alle 18 nel Palazzetto dell’Arte, per la mostra della fotografa Giuliana Mariniello “La città visibile”, evento che inaugura ufficialmente il programma della quinta edizione di “Foggia Fotografia: la Puglia senza confini”.
Alla serata inaugurale, interverrà l’autrice che sarà introdotta da una presentazione del presidente del FotoCineClub, Nicola Loviento, e dai saluti dell’assessore alla Cultura del Comune di Foggia, Anna Paola Giuliani, e della dirigente del Sistema museale civico, Gloria Fazia.
Giuliana Mariniello, fotografa, insegnante di Letteratura inglese all’Università di Napoli L’Orientale, curatrice di mostre e redattrice di riviste di settore, propone a Foggia gli scatti che fanno parte del suo lavoro “La città visibile”, portfolio dal titolo ispirato al romanzo “Le città invisibili” di Italo Calvino che documenta le trasformazioni del paesaggio di Roma per effetto dell’invasione di grandi manifesti e cartelloni pubblicitari sugli edifici in costruzione e sui mezzi di trasporto. “Scopo del mio lavoro – spiega la fotografa – è stato ed è quello di documentare queste mutazioni dell’ambiente urbano a Roma attraverso una raccolta e una reinterpretazione di immagini pubblicitarie apparse su mezzi di trasporto o sui billboards collocati sulle facciate dei palazzi in ristrutturazione, mettendo in risalto il contrasto insolito e sorprendente che si instaura fra la città reale e quella dell’effimero pubblicitario”. Tema di fondo della sua ricerca è il rapporto tra realtà e apparenza nel paesaggio urbano, ed il suo obiettivo indaga contaminazioni e riscritture, collisioni e fusioni che si intersecano in una storia fotografica che ridefinisce la visione della città in un dialogo tra le tracce originarie e le stratificazioni di segni e messaggi in esse contenuti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+