Foggia, anziana rapinata e violentata: telecamere incastrano 23enne

Foggia, anziana rapinata e violentata: telecamere incastrano 23enne

FOGGIA – Nella tarda serata del 29 maggio, la polizia ha eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, per i reati di violenza sessuale e rapina, nei confronti di Janneh Ceesay, nato in Gambia (1994), con domicilio presso il Cara di Borgo Mezzanone.

I gravi fatti risalgono al 23 maggio quando un’anziana donna ultrasettantenne è stata scippata del proprio borsello ed stata vittima di violenza.

L’attività investigativa si è fondata sull’acquisizione delle varie immagini delle telecamere presenti sul luogo ove si è consumata la vicenda, nonché su una capillare attività di osservazione all’interno del Cara di Borgo Mezzanone, dove si riteneva potesse dimorare l’autore del reato.

Nella tarda serata del 29 maggio è stata effettuata una perquisizione all’interno di una baracca presente all’interno del Cara che ha consentito di individuare Cessay, trovato in possesso del cellulare sottratto alla anziana vittima, e degli stessi capi di abbigliamento indossati il giorno della violenza ai danni della donna.

Con l’udienza di convalida, tenutasi il primo giugno 2017, il Gip del Tribunale di Foggia ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Cessay.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display