Foggia, arrestati dopo rocamboleschi inseguimenti

Finiscono in manette tre persone, fermate in due distinti momenti

autoincidente

FOGGIA – Notte movimentata, quella appena trascorsa, per i carabinieri del comando provinciale di Foggia. Tre le persone arrestate, in due distinti momenti, al termine di rocamboleschi inseguimenti, dopo che non si sono fermate ai posti di controllo. Diakaridia Coulibaly, 27enne del Mali, Ibrahim Sylla, 29enne della Guinea e Giuseppe Folliero, 19enne foggiano, i tre arrestati. Nel primo caso i protagonisti sono i due africani. L’inseguimento ha avuto inizio in via Sprecacenere. A Bordo di una “Citroen Xsara” c’erano quattro africani, la cui fuga è durata circa 10 minuti. L’auto nell’affrontare una curva a tutta velocità si è ribaltata. Diakaridia e Sylla, entrambi senza fissa dimora in Italia e in possesso di regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari, sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e alterazione di veicolo (avevano apposto le targhe di un altro mezzo, di differente marca e modello, privo di copertura assicurativa. Inoltre, nessuno degli occupanti fermati era in possesso di patente di guida. All’interno del mezzo ribaltato c’era Omar Doumbia,  27enne della Guinea, residente a San Giovanni Rotondo che, per le ferite riportate, è stato   ricoverato presso il reparto neurochirurgia degli Ospedali Riuniti e denunciato in stato di libertà.
Folliero, invece, viaggiava alla guida di una “Fiat 500” con targa tedesca, che poco prima in viale 1° maggio era sfuggita a un controllo della polizia. Datosi alla fuga, il 19enne all’incrocio tra viale degli Aviatori e via De Petra è andato a sbattere contro una “Ford Ka”. Folliero ha tentato ancora di scappare, ma è stato definitivamente fermato dai militari. Privo di patente, è stato  arrestato per omissione di soccorso e per resistenza a pubblico ufficiale. Con Folliero in auto c’erano altre tre persone, la cui posizione è tuttora al vaglio. In attesa della celebrazione del giudizio per direttissima, il 19enne è stato posto ai domiciliari. Il malcapitato conducente del mezzo coinvolto nel sinistro stradale provocato da Folliero,  invece, ha subito ferite guaribili in quindici giorni.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+