Foggia, benzinai: ancora “no” alla serrata

Faib Confesercenti insiste: “E’ una protesta inutile che metterà contro gestori e consumatori”

 

 

FOGGIA – Continua a tenere banco lo sciopero dei benzinai di Foggia riproposto dal 10 al 12 dicembre. La Faib Confesercenti insiste nel considerarlo una protesta inutile che metterà contro gestori e consumatori. “Una scelta sbagliata e in questo momento controproducente per i gestori che regalerebbero altri clienti alla “Gdo” con l’impianto relizzato nell’area della Coop “Estense”. La Faib ritiene che lo sciopero metterebbe i benzinai contro i consumatori facendoli passare per quelli che sono contro i prezzi più bassi, inoltre brucerebbe gli spazi di manovra verso le istituzioni locali che hanno l’obbligo di attivare azioni di “moral suasion” verso le compagnie. L’obiettivo è far crescere nell’opinione pubblica la convinzione che risparmiare sulla benzina si può e che tutti i consumatori ne debbono fruire e non solo quelli dell’Ipercoop. Per fare questo c’è bisogno di sensibilizzare l’opinione pubblica e non irritarla con uno sciopero sotto Natale. “Bisogna inoltre denunciare – conclude la Faib Confesercenti bisogna denunciare – che si sta giocando con il lavoro dei gestori perché è risaputo che non si può dichiarare sciopero per più di tre giorni e con un preavviso di almeno 10 giorni. E allora perché l’hanno fatto? In realtà non si vuole risolvere i problemi ma solo fare demagogia”.
Questo perché si è convinti che i problemi si affrontano in modo serio: verificando i titoli abilitativi urbanistici, codice della strada, sicurezza…) dell’Ipercoop, chiamando alle loro responsabilità gli enti locali e verificando con le compagnie le risposte da fornire. Questo è il terreno di lotta e di contrasto alla “Gdo” e all’Ipercoop a cui chiamiamo la categoria. “Respingiamo scelte demagogiche e controproducenti, di contro i gestori Faib sono pronti alla mobilitazione e alle iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle istituzioni locali”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+