Foggia, eternit nella zona di Tratturo Camporeale: problema irrisolto

Denuncia del movimento “Nuova voce” ad un mese dalla segnalazione

 eternit

FOGGIA – “E’ passato già un mese dalla nostra denuncia eppure non abbiamo ancora notato un cambiamento. Ora ci chiediamo se alle parole dell’assessore siano seguiti anche i fatti o sono solo rimaste delle semplici parole che vengono dette nel momento di nervosismo?”. E’ quanto dichiara Alfonso Fiore, presidente del movimento “Nuova voce” sulla presenza di eternit nella zona di Tratturo Camporeale. Fiore evidenzia che l’assessore all’ambiente, Pasquale Russo, aveva dichiarato che “per la risoluzione del problema er necessario un sopralluogo della Polizia provinciale ambientale che deve segnalare la presenza di Eternit e degrado al giudice competente, che a quel punto può emettere l’ordinanza per la rimozione e la bonifica della zona. In ogni caso, quando sarà tutto in regola per agire, lo faremo chiedendo l’intervento di qualche società esterna di caratterizzazione e smaltimento delle eternit, perché in città non esistono aziende del genere. La più vicina è a San Ferdinando di Puglia, per esempio. Infine non voglio polemizzare ma credo che in questa storia conti anche l’inciviltà dei cittadini. Non abbiamo ricevuto mai nessuna segnalazione per quanto riguarda questo problema ma ora che me ne si dà notizia potrò iniziare a prendere in esame il disagio per cercare di porvi rimedio”. Dichiarazioni rilasciate un mese fa a un giornale. Ma il problema rimane ancora e come sempre a farne le spese sono le famiglie della zona che vivono ogni giorno a contatto con questa sostanza pericolosa. “L’assessore Russo, che ha dichiarato di non saper nulla della situazione, – continua  Fiore – ha ammesso di prendere in esame il disagio e di cercare un rimedio, ma da un mese tutto quello che rimane è sempre e solo l’eternit”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+