Foggia, il Sappe bacchetta il ministro della giustizia

“Chiude i tribunali per risparmiare e poi spreca decine di milioni di euro perché non utilizza le energie alternative nelle carceri”

 ministrocancellieri

FOGGIA – Bacchettata del Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) nei confronti del ministro della giustizia Cancellieri. “La chiusura di alcuni tribunali decisa con il pugno duro dalla Cancellieri e dal suo predecessore  Severino, che tante polemiche ha comportato e comporta presso la pubblica opinione e gli addetti ai lavori, sta a dimostrare come le decisioni di risparmiare  denaro pubblico, non sempre ottengono la dovuta attenzione se non suscitano polemiche o scontro politico. Infatti, per risparmiare circa 60 milioni di euro è successa quasi una sollevazione popolare (anche perché gli utilizzatori  finali, lavoratori, magistrati, avvocati, cittadini alla fine  spenderanno molto di più), mentre poi  si potrebbero risparmiare altrettanti milioni sulle bollette elettriche delle carceri nazionali solo con l’utilizzo dell’energia fotovoltaica, senza trovare nessuno interessato al problema a partire proprio dal ministro. E’ incredibile che  al Dipartimento dell’Amministrazione penitenziarie si paghino il tanti dirigenti generali (a partire dai vertici) centinaia di migliaia di euro all’anno senza che  nessuno si accorga che sulla questione si sarebbero potuti risparmiare, in questi  anni  tantissimi  milioni di euro”.
Il Sappe ritiene “che se non si abbatte il mostro della burocrazia che consente ai vari dirigenti dello Stato di percepire tanti soldi senza mai dover rispondere a nessuno del proprio operato, la spending rewiev sarà solo una parola di facciata per compiere operazioni politiche, e non certo per aiutare in concreto  conti del nostro Stato. Il Sappe della questione interesserà anche la Corte dei Conti poiché la mancata produzione di energia fotovoltaica presso le carceri continua a  procurare spese per decine di milioni di euro che possono essere  tranquillamente essere abbattute.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+