Foggia, incendiato bar “Montebianco”: rabbia e accuse del Pd

Il consigliere comunale D’Agnone: “Vile azione ai danni di un piccolo imprenditore”

 monteb

FOGGIA – Monta la rabbia dopo l’ennesimo attentato ai danni di un esercizio commerciale. La notte scorsa nel mirino dei malviventi è finito il bar “Montebianco”. Il consigliere comunale del Pd, Paolo D’Agnone, manifesta tutto il suo malcontento per l’accaduto. “Sono sconcertato e profondamente dispiaciuto per la vile azione criminale subita dal proprietario del bar Montebianco: un piccolo imprenditore che porta avanti con tanto impegno e grandi sacrifici un’azienda ormai storica della città. A lui, alla sua famiglia e ai suoi dipendenti rivolgo la mia sincera solidarietà, invitandoli a non lasciarsi vincere dallo sconforto e ad avere fiducia nelle istituzioni dello Stato”. D’Agnone auspica “l’adozione di misure operative che migliorino le condizioni di sicurezza dell’intera zona della stazione ferroviaria”.

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+