Foggia, incendio via Castelluccio: arrivano i primi risultati dall’Arpa Puglia

Foggia, incendio via Castelluccio: arrivano i primi risultati dall’Arpa Puglia

FOGGIA – L’Arpa Puglia ha comunicato al comune di Foggia, stanotte, i primi risultati ricevuti dal Centro Regionale Aria dell’agenzia, a seguito del monitoraggio effettuato ieri al fine di verificare le concentrazioni di inquinanti nelle vicinanze del sito e in corrispondenza delle abitazioni situate a sud rispetto alla discarica, in condizioni di sotto vento. Dai primi accertamenti eseguiti si sono evidenziati valori di particolato (materiale presente nell’atmosfera sottoforma di particelle miscroscopiche e costituito da polvere e fumo) di entità molto variabile nelle zone con abitazioni, con picchi fino a circa 1000 ug/m3. Le misurazioni sono state effettuate nel raggio di circa 1.5 chilometri. L’Arpa ha sottolineato come il limite del particolato, sia pure a livello giornaliero, previsto è pari a 50 ug/m3. Contestualmente l’Arpa Puglia ha provveduto ad attivare un campionamento di microinquinanti organici nelle vicinanze del sito, i cui risultati saranno però disponibili solo dopo le relative analisi di laboratorio. L’amministrazione comunale ha immediatamente trasmesso le risultanze del monitoraggio dell’Arpa Puglia all’Asl Foggia, con cui il sindaco è in stretto contatto per recepire le indicazioni operative che l’azienda sanitaria locale fornirà circa le azioni da mettere in campo, compresa la possibilità di integrare o modificare l’ordinanza sindacale firmata ieri. L’Asl Foggia è infatti l’organo deputato ad individuare le misure e le azioni da attuare per la tutela della salute pubblica. L’attenzione del Comune di Foggia resta alta. L’amministrazione comunale, proprio al fine di supportare il lavoro di spegnimento delle fiamme da parte dei Vigili del Fuoco, ha noleggiato a proprie spese sei mezzi pesanti, richiesti ed indicati proprio dai Vigili del Fuoco. Il noleggio ha un costo presumibile di circa 1000 euro per ogni ora di attività di ciascun mezzo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+