Foggia, incendio via Castelluccio: Landella firma ordinanza a tutela salute pubblica

Foggia, incendio via Castelluccio: Landella firma ordinanza a tutela  salute pubblica

FOGGIA – Il sindaco  Franco Landella ha firmato l’ordinanza con la quale si dispongono le misure precauzionali a tutela della salute pubblica per l’incendio di venerdi’ scorso avvenuto nell’area di via Castelluccio  sottoposta sequestro giudiziario. L’ordinanza si è resa necessaria sulla base delle indicazioni comunicate dall’Arpa Puglia nella tarda serata e della richiesta dell’Asl Foggia, a seguito della convocazione urgente disposta dal sindaco a Palazzo di Città, in ragione dell’evolversi della situazione e dei contatti diretti e stretti che il primo cittadino ha tenuto per tutto il pomeriggio, affiancando questa attività alla presenza sul luogo dell’incendio, sin dalla mattinata di ieri, degli agenti del Corpo di Polizia Municipale e del personale del Servizio Protezione Civile, in una funzione di supporto al lavoro dei Vigili del Fuoco e di informazione nei confronti dei cittadini residenti nelle immediate vicinanze, come comunicato dall’Arpa Puglia e dall’Asl.

L’amministrazione comunale resta comunque in attesa dei risultati delle analisi e dei campionamenti che l’Arpa Puglia sta conducendo nell’area interessata dalle fiamme e di conoscere la tipologia dei rifiuti ospitati nel sito, al fine di adottare gli opportuni provvedimenti del caso.

Di seguito il testo dell’ordinanza sindacale: “Il sindaco ordina dalla data di emissione della presente ordinanza e fino a che l’incendio sia domato e che giungano le analisi delle matrici ambientali da parte dell’Arpa Puglia, ai residenti nel raggio di 400 metri dall’area interessata dall’incendio, di tenere chiuse porte e finestre, non sostare all’aperto, evitare raccolta e vendita e consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati nella zona interessata, evitare il pascolo degli animali all’aria aperta, evitare di far mangiare il foraggio agli animali e provvedere a mantenere in locali chiusi gli animali da cortile, evitando il razzolamento ai fini precauzionali, a tutela della salute pubblica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+