Foggia, incerto il futuro dei lavoratori di Apulia Pronto Prestito: la denuncia della Fisac Cgil

Foggia, incerto il futuro dei lavoratori di Apulia Pronto Prestito: la denuncia della Fisac Cgil

FOGGIA – Vi sono decine di piccole società come la Apulia Pronto Prestito che, essendo società della galassia delle due ex banche venete, impiegano centinaia di lavoratori e che fanno parte del perimetro della liquidazione coatta amministrativa, di cui a tutt’oggi è abbastanza incerto il destino. Apulia Pronto Prestito (APP) è società controllata da Banca Apulia, a sua volta attualmente controllata da Intesa Sanpaolo, che al momento occupa circa quaranta dipendenti sulla piazza di San Severo.

“Qualunque decisione venga assunta sulle sorti di Apulia Pronto Prestito – dichiara la Fisac Cgil Foggia -, chiediamo con forza che vengano pienamente tutelati i lavoratori di tale azienda, sulla scorta delle dichiarazioni del Ministro Padoan e degli altri attori coinvolti nella procedura, secondo le quali con questa operazione si sarebbero pienamente garantiti, fra le altre cose, i posti di lavoro. Per noi questo impegno deve valere per tutti i lavoratori del gruppo, non solo per quelli delle società già acquisite da Intesa Sanpaolo”.

“Nell’evidenziare che si tratta di una platea di lavoratori che, seppure anagraficamente molto giovane, ha maturato competenze e professionalità che possono sicuramente essere utilizzate in modo proficuo all’interno del sistema del credito – prosegue la Fisac Cgil Foggia-, chiediamo che parta subito un confronto, in cui il Governo dovrà essere inevitabilmente parte attiva, che arrivi ad una rapida definizione e che raggiunga l’obiettivo della salvaguardia occupazionale e dei profili professionali acquisiti. Come organizzazione sindacale  – conclude la Fisac Cgil – staremo al fianco dei lavoratori di Apulia Pronto Prestito e vigileremo costantemente affinché non sia sperperato il patrimonio di risorse umane che loro rappresentano e affinché sia tutelata l’occupazione di questa parte del territorio pugliese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+