Foggia, la Confesercenti: abusi alla Camera di commercio

Il presidente Simone: “Alterate le rappresentanze delle Organizzazioni”

 carlosimone

 

 

FOGGIA – Abusi nel rinnovo del consiglio della Camera di commercio di Foggia. La denuncia è della Confesercenti provinciale. Se fossero vere le indiscrezioni trapelate sugli organi di informazione, “il responsabile del procedimento di rinnovo del Consiglio camerale 2013-2018 della Camera di commercio di Foggia, Matteo Di Mauro, ha commesso degli abusi che, di fatto, alterano la rappresentanza reale delle Organizzazioni di rappresentanza dei vari settori economici della Capitanata”. E’ la dichiarazione perentoria di Carlo Simone(nella foto), presidente provinciale della Confesercenti pmi di Foggia che rimarca come “al responsabile del procedimento non è consentito correggere i dati forniti dalle Organizzazioni di Categoria, lo stesso può legittimamente procedere alla verifica dei dati e del possesso dei requisiti di partecipazione e dichiarare la ricevibilità o l’irricevibilità delle dichiarazioni, ammettere o escludere le Organizzazioni dal procedimento”.

Un braccio di ferro che si trascina da mesi e che si arricchisce di continue novità interpretative. Tanto che ora i vertici Confesercenti ribadiscono i motivi del loro dissenso in cui lamentano anche presunte irregolarità. “Il responsabile unico del procedimento – continua Simone – dovrebbe sapere che per gli atti dallo stesso adottati, tenuto conto dell’impossibilità di individuare una posizione amministrativa gerarchicamente superiore a cui poter presentare un eventuale ricorso e non essendo ipotizzabile – per il principio di distinzione delle funzioni gestionali da quello di indirizzo politico – un ricorso al presidente o al consiglio della Camera di commercio, è possibile invece esperire esclusivamente ricorso al Tar o al presidente della Repubblica. Quindi i consiglieri camerali dissidenti non potevano richiedere una integrazione d’istruttoria”. Diverse le incongruenze rimarcate dal presidente Simone. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+