Foggia, manutenzione strade: denuncia del Prc

Cislaghi: “Si tolgono le buche ma restano i problemi”

 tombino

FOGGIA – Il rifacimento delle strade di Foggia ai “raggi x” del Prc. Il segretario cittadino, Giogio Cislaghi denuncia come “il piano avviato dall’Amministrazione comunale, per quanto apprezzabile, ha delle evidenti lacune perché si limita a prendere in considerazione solamente la parte superficiale della strada e, per questo motivo, può procedere con interventi a macchie di leopardo. La proposta di Rifondazione Comunista, da cui trae spunto il piano per il rifacimento delle strade, partiva dalla banale osservazione che sotto le strade corrono le reti dei servizi urbani (acqua, fogna, luce, gas, reti telefoniche) che, al pari dell’asfalto, hanno necessità della periodica manutenzione. E’ per questi motivi che abbiamo proposto, inascoltati, la convocazione di una conferenza dei servizi per stendere il “piano per la manutenzione periodica delle strade”.Questa nostra richiesta si basava sull’esperienza degli anni passati, quando abbiamo assistito allo smembramento di manti stradali appena rifatti per interventi di manutenzione straordinaria alle reti di servizio”. Cislaghi entra nei dettagli. Alla luce di quanto abbiamo potuto constatare, sulla base degli interventi effettuati sino a oggi, vi sono altri e più banali motivi per riprendere la nostra proposta in quanto la sola rimozione e ripristino dello strato d’usura dell’asfalto, se elimina le buche presenti, non ne rimuove le cause per alcuni tipi. Basta fermarsi a osservare i lavori fatti in via Galanti e rendersi conto che sono stati malamente coperti i tombini stradali (di alcuni s’intravede la forma sotto l’asfalto), o recarsi in via Imperiale e, con il ricordo delle voragini, osservare che vi sono già i primi segni di cedimento dell’asfalto appena rifatto (tra il civico 13 e il civico 17). Ci aspettiamo che i tecnici del comune effettuino i sopraluoghi e, se le nostre segnalazioni sono corrette, adottino i dovuti provvedimenti”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+