Foggia, nuovo incendio doloso al mercato di viale Pinto: scoppia la polemica

Coldiretti punta il dito contro l’Amministrazione comunale “rea” di continuare a guardare senza intervenire

 coldire

FOGGIA – Scoppia la polemica tra Coldiretti e Amministrazione comunale. La “miccia” è l’ennesimo incendio appiccato nella notte nel mercato di viale Pinto che ha definitivamente distrutto i pochi box rimasti integri e entro i quali le aziende agricole associate a Coldiretti effettuavano la vendita diretta dei prodotti agricoli. “Ormai da due anni stavamo pietendo alla Amministrazione comunale di Foggia – riferisce il presidente di Coldiretti Foggia, Piero Salcuni – una diversa collocazione per il mercato degli agricoltori, attesi i continui “avvertimenti” ricevuti e puntualmente denunciati  che avevano progressivamente distrutto i box in legno che la stessa Coldiretti aveva allestito all’interno del mercato dove, è bene ricordarlo, sono presenti anche diversi commercianti”.
Sulla questione interviene anche il direttore di Coldiretti, Giorgio Donnini. “Più volte direttamente interpellati sia il sindaco Mongelli che i vari assessori succedutisi hanno ribaltato una decisione che non poteva che essere politica ai funzionari comunali che, fra cavilli vari ed interpretazioni personalistiche delle norme ci hanno tenuto sulla corda fino ad ora. E pensare che quegli stessi funzionari non avevano esitato ultimamente a rinnovare le autorizzazioni ai venditori di angurie (che non sono aziende agricole) ad aprire i propri chioschetti in vari punti del centro di Foggia. Evidentemente diamo fastidio ad alcuni soggetti e l’Amministrazione comunale di Foggia, piuttosto che sostenere una categoria onesta e una attività produttiva fra le poche oggi ad offrire ancora opportunità di lavoro, tutelando nello stesso tempo gli interessi dei consumatori che trovano nei prodotti a chilometro zero convenienza e qualità, preferisce girarsi dall’altra parte facendo finta di non vedere o di non rendersi conto di quello che accade in quel mercato”.

 

 

  

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+