Foggia, operazione “tracciato di frutta”: controllati in provincia 70 esercenti, multe per 15.000 euro

Foggia, operazione “tracciato di frutta”: controllati in provincia 70 esercenti, multe per 15.000 euro

FOGGIA – Controlli sono stati eseguiti dai carabinieri forestali presso fruttivendoli al dettaglio e ambulanti nonché la grande distribuzione della provincia per verificare la regolarità nella commercializzazione, etichettatura, tracciabilità e presentazione al consumatore della frutta e verdura.
Nell’ambito dell’operazione denominata “Tracciato di Frutta”, sessanta uomini del comando gruppo carabinieri forestale sono stati impegnati per svolgere controlli nel settore agroalimentare ed in particolare la verifica della tracciabilità ed etichettatura del’ortofrutta.
La provenienza dell’ortofrutta che ogni giorno finisce nelle nostre tavole è di fondamentale importanza e l’unico modo per conoscere luogo di provenienza, categoria, varietà o tipo commerciale esposte in vendita sono le informazioni obbligatorie da dare al consumatore finale che i punti vendita devono esporre nell’apposita etichetta rispettando la normativa Europea e nazionale.
Durante l’operazione, svolta nei principali centri della provincia (Foggia, San Severo, Cerignola, San Giovanni R. e Manfredonia), sono stati controllati settanta esercenti riscontrando irregolarità nel 20 per cento dei casi che ha portato ad elevare sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 15.000 euro. Tra le infrazioni più frequenti la mancata esposizione delle indicazioni obbligatorie relative alla provenienza del’ortofrutta, la mancanza di sistemi di tracciabilità dei prodotti esposti in vendita, omissioni e indicazioni errate nelle etichettature.
Nell’ambito dell’operazione è emerso anche l’irregolarità da parte dei centri di distribuzione all’ingrosso che molto spesso omettono l’indicazione della provenienza e non consentono alla filiera di dare le giuste informazioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display