Foggia, Parco Iconavetere: solo chiacchiere

Affondo di Antonio Bianco, presidente dell’Associazione “Capitanata mia”

 

antoniobianco

FOGGIA – “Tanto rumore ma niente soluzioni, il Parco Iconavetere nuovamente abbandonato e in rovina”. E’ quanto afferma Antonio Bianco, presidente dell’Associazione culturale “Capitanata Mia”. “Si è partiti con una sporca campagna elettorale su un luogo sacro e appena hanno buttato un po’ di fumo negli occhi dei cittadini, per accaparrarsi le altre zone da salvare, hanno lasciato il Parco chiudendo porte e portoni, senza arrivare a una soluzione seria, precisa, usufruibile per i cittadini, quello si è abituati a fare. Invece di produrre qualcosa di buono per la struttura pensano a innescare sterili contrapposizioni, con l’unico malcelato intento di mettersi in mostra ad ogni costo. Ricordo a questi presunti politici, che non si fa politica con i problemi della città, andate a fare una buona scuola di politica, poi vediamo se lavorate ancora così come state facendo. Invece di aggrapparvi ai problemi cittadini, pensate di collaborare con le istituzioni e non di far passare gli assessorati come uffici incompetenti La città deve sicuramente ringraziare i volontari della Protezione civile che si occupano della guardiania, momentaneamente, ma durante la notte il Parco è sorvegliato? Non mi pare proprio e cosa abbiamo concluso? Si è pensati a chiudere la cappella, ben venga, e gli antichi muri dell’ex convento di S. Maria di Costantinopoli”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+