Foggia, Poste Italiane e la carenza degli sportelli

Dell’Aquila (Pd): “Ne servono almeno tre per il ritiro delle raccomandate”

FOGGIA – Urgono sportelli per il ritiro delle raccomandate. “Foggia ha bisogno di almeno tre uffici per il ritiro delle raccomandate e della corrispondenza inevasa e la direzione provinciale di Poste Italiane deve intervenire immediatamente per fornire adeguati servizi alla cittadinanza”. Lo afferma il consigliere comunale Pasquale Dell’Aquila anticipando i contenuti dell’ordine del giorno depositato questa mattina per impegnare il sindaco a “intervenire immediatamente per ottenere l’apertura di nuovi sportelli”. “E’ stato un errore clamoroso immaginare di servire una città di 150mila residenti con un solo ufficio – continua Dell’Aquila –. Con l’aggravante di aver scelto una sede del tutto inadeguata e con poco personale, posizionata nella periferia estrema e senza spazio sufficiente per parcheggiare. Purtroppo siamo abituati alle riorganizzazioni di Poste Italiane, progettate esclusivamente per ragioni finanziarie e non per migliorare gli standard del servizio offerto. Eppure in altre città pugliesi non si è arrivati ad un simile livello di disservizio”.
Dell’Aquila chiama in causa il sindaco Gianni Mongelli. Considerata la sordità della direzione provinciale alle lamentele degli utenti è doveroso l’intervento della massima istituzione cittadina per chiedere l’attivazione di almeno tre sportelli accessibili e dislocati nelle tre macro aree della città”. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+