Foggia, prezzo del grano sempre più in picchiata

Coldiretti denuncia: “Siamo di fronte alle solite speculazioni”

 

FOGGIA – “Le quotazioni del grano duro del Tavoliere diminuiscono di quasi 2,5 euro in due settimane, riducendosi a 24 euro/quintale o poco più. Di questo passo la cerealicoltura della provincia di Foggia rischia di scomparire”. E’ l’amaro sfogo del presidente di Coldiretti Foggia, Pietro Salcuni nell’apprendere della ulteriore riduzione di 1,50 euro sul prezzo del grano duro operata stamattina dalla Commissione prezzi della Camera di commercio. “Siamo assolutamente – incalza Salcuni – lontani dal breakeven, cioè da quel punto di equilibrio fra costi di produzione e ricavi che richiederebbe un prezzo non inferiore a 30 euro; la campagna era partita con una quotazione di circa 27 euro e negli agricoltori covava un certo ottimismo di un progressivo avvicinamento del prezzo a quel punto di equilibrio; oggi che siamo a 24 euro e, come si dice, con ulteriori prospettive di ribasso, le aziende devono chiudere”. La soluzione? La valorizzazione del vero Made in Italy.

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+