Foggia Propositiva attacca Poste Italiane

“Assurdo avere solo un ufficio per ritiro raccomandate”. Pronta una petizione

 

FOGGIA – Pronta una raccolta firme se nessuno si muoverà in difesa del cittadino. “Foggia Propositiva” va all’attacco puntando il dito contro Poste Italiane. “E’ assurdo in una città come Foggia dover concentrare in un solo ufficio, con al massimo due sportelli attivi, le raccomandate da ritirare.” Foggia Propositiva invita i rappresentanti delle istituzioni locali ad intervenire con forza per il rispetto dei diritti del cittadino, costretto a raggiungere la zona del Villaggio Artigiani (via Motta della Regina), dove anche il parcheggio è difficile, per ritirare una raccomandata. “Nella giornata di ieri – si legge in una nota abbiamo fatto più “visite” all’ufficio decentrato, con file interminabili, centinaia di persone che ripetutamente hanno provato a mettersi in coda. Alle ore 16 è stato ritirato un numero di prenotazione allo sportello che portava un’attesa di oltre 60 persone, conclusasi alle ore 19, questo solo per la disponibilità dei dipendenti che hanno prolungato l’attività, anche se stremati dall’ininterrotta affluenza di utenti”.
Foggia Propositiva negli ultimi giorni ha raccolto centinaia di segnalazioni di cittadini che temono di trovare nella cassetta della posta di casa la cartolina per il ritiro di una raccomandata, ma non tanto per l’ondata di cartelle di Equitalia, quanto per l’idea di dover fare ore di fila. 
“Per questo – conclude la nota – si fa appello al sindaco e al prefetto di Foggia affinché intervengano su Poste Italiane per ottenere rispetto del cittadino per un servizio che andrebbe distribuito equamente sul territorio, distribuendolo quanto meno in tre zone della città. In caso di continuato silenzio delle istituzioni, Foggia Propositiva avvierà una petizione coinvolgendo anche le associazioni dei consumatori, evidenziando il danno arrecato al cittadino, sempre più penalizzato dalla ormai assenza di servizi adeguati”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+