Foggia, quell’ordinanza sindacale non piace a Forza Nuova

“Riteniamo assurde queste norme per combattere il degrado”

 duiv

FOGGIA – Non piace a  Forza Nuova e Lotta Studentesca,  l’ordinanza sindacale  che dal 15 giugno fino al 15 settembre introduce una serie di norme per combattere il degrado a Foggia.  “L’ordinanza – si legge in una nota – sembra a nostro avviso penalizzante per la stragrande maggioranza dei cittadini foggiani, e sembra partorita da un amministrazione del leghismo più becero e coatto, invece che da un amministrazione di una città mediterranea qual è la città di Foggia. Tale normativa recita che è fatto divieto consumare alcool in prossimità di giardini e parchi pubblici, invita ad avere dei modi “composti”(sarebbe interessante capire chi lo stabilisce) nel consumo di cibo e bevande, ed istiga allo spionaggio i cittadini, in quanto le forze di polizia potranno avvalersi oltre che delle loro riprese, anche di quelle di questi ultimi. Riteniamo assurde queste norme per combattere il degrado, infatti il decoro cittadino si ottiene mettendo più cestini, curando l’illuminazione, rasando l’erba, effettuando le disinfestazioni ordinarie da insetti,scarafaggi e ratti, i quali sono i veri padroni della città in questo periodo, grazie alla noncuranza della nostra Amministrazione”.
Forza Nuova e Lotta Studentesca invitano l’Amministrazione comunale “a combattere altri fenomeni che  incentivano il degrado, per esempio la speculazione edilizia, o fare qualcosa contro il consumo di cocaina, contro la dipendenza delle macchinette mangiasoldi che distruggono famiglie e minano la pace sociale, ad essere più vigili nelle zone pedonali dove scorazzano indisturbati motorini ed auto, spesso a folle velocità, senza contare il duro colpo che si avrebbe sia per le attività commerciali che già si sobbarcano una crisi senza precedente, e sia considerando l’indotto che i luoghi di aggregazione muovono”. 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+