Foggia, scuole comunali dell’infanzia: 58 lavoratrici senza stipendio

Denuncia della Fisascat Cisl: “Una sofferenza continua per persone serie e responsabili”

 

 

FOGGIA – Hanno lavorato per un intero anno scolastico senza percepire uno stipendio. Sono le 58 assistenti all’infanzia delle scuole comunali foggiane. La denuncia è della Fisascat Cisl. “Una sofferenza continua per 58 lavoratrici serie e responsabili. E’ la conseguenza delle problematiche del servizio di assistenza all’infanzia nelle scuole comunali di Foggia. Cambiano le società a cui il Comune di Foggia affida tale servizio ma i problemi per le dipendenti, che operano con dedizione e attaccamento al lavoro, non accennano a risolversi”. “Le spettanze stipendiali arretrate delle lavoratrici – afferma il segretario generale della Fisascat Cisl di Foggia, Leonardo Piacquaddio – hanno assunto ormai notevoli dimensioni, non avendo percepito gli stipendi dalle competenze dall’ottobre 2012 sino ad oggi. In sostanza, queste lavoratrici hanno lavorato per un intero anno scolastico senza un euro di stipendio. Una storia vergognosa”.
Per il sindacato, “tutto questo non è più tollerabile. La Fisascat Cisl è sempre stata attenta al sociale e a tutti i servizi connessi, in particolare quando sono rivolti a persone bisognose e minori, ma non è più possibile – sottolinea Piacquaddio – che coloro che espletano tali servizi debbano essere schiacciati ed offesi nella propria dignità. Per questo, rivolgiamo un accorato appello anche ai genitori dei bambini che frequentano le scuole comunali affinché si affianchino alle battaglie di queste donne che si son prese cura dei loro figli. Il soddisfacimento dei diritti lesi deve interessare anche chi usufruisce di tali servizi”.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+