Foggia, sequestrati 9mila prodotti scolastici “pericolosi”

Blitz della Guardia di finanza anche a San Severo, individuati due lavoratori in nero

FOGGIA – I bambini nel mirino di gente senza scrupoli. Approfittando dell’inizio del nuovo anno scolastico. Ben 9mila articoli scolastici sono stati sequestrati dagli uomini della Guardia di finanza a Foggia e San Severo. I finanzieri hanno sequestrato zaini, penne, pennarelli, gomme, astucci e altro non sicuri per la salute dei consumatori. Tutto il materiale era risultato essere non conforme alle specifiche normative internazionali e agli standard costruttivi comunitari contrassegnati dal marchio “CE” stampigliato sui prodotti. Tra le altre irregolarità contestate ai rivenditori di prodotti irregolari, anche l’assunzione di due lavoratori in nero. Il blitz della Guardia di finanza ha una duplice finalità: da un lato, garantire che i prodotti immessi sul mercato rispondano ai requisiti di sicurezza per i consumatori previsti dalle direttive comunitarie e dal codice del consumo. Dall’altro lato, tutelare la libera concorrenza tra tutti gli operatori di mercato, evitando che l’economia legale venga danneggiata dall’immissione nei circuiti commerciali di prodotti realizzati a costi di produzione bassissimi (dovuti all’impiego di manodopera anche minorile sfruttata), all’utilizzo di coloranti, collanti, filati, tessuti, plastiche, resine altamente tossiche, cancerogene o che causano forti allergie, nonché all’evasione dei dazi doganali all’atto dell’importazione in Italia.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+