Foggia, stop alla nuova Service Tax

E’ l’appello del Sicet ai parlamentari per aiutare le famiglie in crisi

service

FOGGIA – Crescono le famiglie foggiane che non riescono più a pagare il fitto di casa. E’ quanto denuncia il Sicet, il sindacato inquilini della Cisl, che rileva che nell’anno scorso vi sono stati 294 nuovi provvedimenti di sfratto, emessi in provincia di Foggia, secondo gli ultimi dati diffusi dal Ministero dell’interno.  “Qui da noi, la situazione degli sfratti per morosità incolpevole si conferma molto preoccupante – afferma il segretario generale del Sicet di Foggia, Angelo Sgobbo – Tra le oltre 252mila famiglie della provincia di Foggia, crescono quelle morose, che con la crisi e senza lavoro non riescono più a pagare l’affitto. In media, una famiglia foggiana ogni 858 è stata colpita nell’ultimo anno da una richiesta di sfratto in attesa di esecuzione, quindi con il rischio imminente di finire, quanto prima, in mezzo ad una strada”. “Il nostro sindacato è molto preoccupato per quanto potrà accadere nell’anno 2014. Oltre all’affitto, alle famiglie sarà chiesto di pagare anche una parte della Service Tax, la nuova imposta relativa ai servizi da versare ai Comuni. Viste le difficoltà economiche e la diffusa disoccupazione – prosegue Sgobbo – specialmente in territori meridionali disagiati come Foggia, è facile prevedere un aumento ulteriore della morosità sugli affitti e sulle stesse tasse comunali, che continuano a crescere in maniera eccessiva a causa dei continui tagli di risorse agli Enti Locali”. 
Per questi motivi, il segretario del Sicet di Foggia rivolge un appello ai parlamentari del territorio affinché sollecitino il Governo a “modificare il provvedimento di legge al fine di salvaguardare non solo le famiglie proprietarie di casa, ma anche quelle che, vivendo in affitto, ed in un territorio fortemente in crisi occupazionale, sono in una condizione socio-economica ancor più precaria e difficile”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+