Foggia, Tarquinio: “Il rilancio della Cartiera non è di Emiliano ma del mio gruppo”

Foggia, Tarquinio: “Il rilancio della Cartiera non è di Emiliano ma del mio gruppo”

FOGGIA – Si torna a parlare del Poligrafico e del suo ruolo centrale nella produzione del contrassegno Docg e Doc. A farlo è il senatore foggiano Lucio Tarquinio del Gruppo Conservatori e Riformisti al Senato.
“Il fatto che il rilancio del Poligrafico di Foggia sia un merito di Emiliano è una affermazione non corretta, soprattutto non dà atto di tutte le battaglie parlamentari che in questi anni con il mio gruppo stiamo facendo per la salvaguardia e lo sviluppo industriale e produttivo del Poligrafico di Foggia”. E’ quanto ha dichiarato in queste ore il parlamentare Lucio Tarquinio. “Solo ieri in Commissione Agricoltura al Senato il Governo ha accettato un ordine del giorno presentato a mia prima firma al Ddl produzione vitivinicola – spiega Tarquinio – con cui si prevede che in caso di eccedenze nella produzione dello speciale contrassegno di cui 
devono essere muniti i vini a Docg e a Doc, qualora non soddisfacibili dall’istituto, debba esservi autorizzazione preventiva del Mef previo parere del Poligrafico, e quindi della Cartiera di Foggia, a cui si garantisce perciò un ruolo attivo nell’eventuale assegnazione delle commesse a esterni”. E ancora prosegue: “Non mi pare che ieri il presidente Emiliano fosse in Commissione né tanto meno ha fatto pervenire memorie o emendamenti. Di contro, il suo partito non ha sottoscritto, ma si è limitato a votare favorevolmente”. Infine conclude: “Sarebbe ora che il Pd abbandoni la sua logica di dividersi in due anime contrapposte, mentre farebbe bene a intervenire e magari rimediare ai propri errori”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+