Foggia, una giornata di studi sul restauro dei beni culturali in zone a rischio sismico

Foggia, una giornata di studi sul restauro dei beni culturali in zone a rischio sismico

FOGGIA – Si terrà il prossimo giovedì 2 febbraio, nell’Auditorium Santa Chiara, sito nell’omonima piazza a Foggia, una giornata di studi sulle tematiche inerenti ai restauri nelle zone ad alto rischio di terremoti. Il convegno, a cura della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Provincie di Barletta-Andria-Trani e Foggia, concentrerà la sua attenzione sui beni culturali della Capitanata, approfondendo i temi della struttura geologica e sismica del territorio e della vulnerabilità del patrimonio archeologico e monumentale di pertinenza.
L’evento nasce dall’esigenza di confrontarsi, con un’ottica multidisciplinare, su un tema di estrema attualità, analizzando scientificamente la complessità delle sue componenti, individuando le migliori tecniche per limitare i danni causati dall’evento sismico e affinando le metodologie di restauro.
Ai lavori del convegno, organizzato con gli Ordini degli Architetti di Foggia e di Barletta-Andria-Trani, l’Ordine dei Geologi della Puglia e gli Ordini degli Ingegneri di Foggia e di Barletta-Andria-Trani, prenderanno parte specialisti dell’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia, dell’Istituto per le Tecnologie applicate ai Beni Culturali del Cnr e delle Università dei territori più colpiti dai terremoti degli ultimi anni, ovvero l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Pescara, l’Università degli Studi “Alma Mater Studiorum” di Bologna e l’Università degli Studi del Molise, oltre al Politecnico e all’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari. È inoltre prevista la presenza di Giovanni Carbonara, professore emerito di Restauro Architettonico dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza” e presidente del comitato tecnico-scientifico per il paesaggio del Consiglio superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici, di Giuliano Volpe, professore ordinario di Archeologia cristiana e medievale all’Università di Foggia e presidente del Consiglio superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici e del professor Mauriello, direttore dell’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Cnr e professore ordinario di Geofisica applicata dell’Università degli Studi del Molise. I lavori saranno aperti dall’intervento dell’ architetto Enza Zullo della Soprintendenza di Foggia, curatore scientifico del convegno, mentre le conclusioni sono affidate alla Soprintendente Simonetta Bonomi.
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Provincie di Barletta-Andria-Trani e Foggia. Per informazioni: tel. 0881723341, email sabap-fg@beniculturali.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+