Foggia, vertenza Don Uva: Cig in deroga per 38 lavoratori

Anche l’Ambrosia Technologies, l’azienda fornitrice dei pasti ai degenti ricoverati, provvede al riassetto

 

 

FOGGIA – Nuovo capitolo della vertenza Don uva: anche l’Ambrosia Technologies, l’azienda fornitrice dei pasti ai degenti ricoverati presso il Don Uva, ha provveduto al riassetto aziendale. Presso il Ministero del lavoro è stato siglato un accordo sulla Cig in deroga per le 38 unità che lavorano presso la sede del Don Uva. “Questa volta – affermano i segretari provinciali dell’Usppi, Massimiliano Di Fonso e Massimo Nicastro – è passata la linea morbida consigliata dalle organizzazioni sindacali, quella di accedere agli ammortizzatori sociali, senza che la stessa azienda  provvedesse ad attuare lo sfoltimento di personale quindi ai  licenziamenti. Quindi un altro grande passo in avanti poiché con la cassa integrazione si sono evitate altre perdite di personale che si sarebbero aggiunte al personale fuoriuscito il 18 aprile dal Don Uva”. Un’altra azienda fornitrice provvede a riassettare la propria posizione pur di assicurare alle maestranze la continuità lavorativa. “Dopo il Don Uva e la Coop. Logos – che hanno ha provveduto nelle settimane scorse ad accordarsi con gli Infermieri dipendenti, anche l’Ambrosia Technologies tira un sospiro di sollievo grazie all’accordo in sede governativa siglato insieme alle organizzazioni sindacali Usppi, Cisl e Uil ottiene la Cig in deroga per quattro mesi”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+