Foggia, vola la cassa integrazione

Sempre più frequente in ricorso alla mobilità e ai licenziamenti

 cassaintegrazione

FOGGIA – Cresce la cassa integrazione a Foggia. A settembre 2013, complessivamente, le ore di cassa integrazione autorizzate dall’Inps in favore delle aziende della provincia di Foggia crescono del 606,3% su agosto 2013. Più nel dettaglio, le aziende della provincia di Foggia autorizzate dall’Inps all’intervento della cassa integrazione ordinaria (Cigo), complice il periodo di ferie, segnano un balzo passando dalle zero ore di agosto 2013 alle oltre 153mila ore di settembre. Relativamente alla cassa integrazione straordinaria (Cigs), la quale viene concessa nelle ipotesi di crisi aziendale a differenza di quella ordinaria che invece viene accordata per difficoltà temporanea dell’impresa, si passa dalle zero ore richieste ad agosto alle quasi 33mila di settembre.In ordine agli interventi in deroga (Cigd) si registra un incremento del 170,1% su agosto 2013 (da quasi 43mila ore di agosto a 115mila ore di settembre). 
Per la cassa in deroga sono sempre all’ordine del giorno le difficoltà e le incertezze intorno allo strumento. Inoltre, per il 2014 sarebbero in fase di ridefinizione da parte del governo nazionale nuove regole di attribuzione delle risorse per regioni d’Italia sempre più stringenti. “E’ evidente – spiega il segretario generale della Uil di Puglia e di Bari, Aldo Pugliese Pugliese – la confusione che caratterizza la cassa in deroga a cui si somma la palese insufficienza delle risorse stanziate finora dal governo nazionale. Di sicuro, gli incrementi sarebbero stati più consistenti perché un clima del genere scoraggia le aziende a ricorrere alla Cigd con i conseguenti rischi di nuovi licenziamenti.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+