Lucera, arrestati cinque rumeni: sventati due tentativi di furto

Lucera, arrestati cinque rumeni: sventati due tentativi di furto

LUCERA – Quello appena trascorso è stato un weekend di intenso lavoro per i carabinieri: nell’ambito di un ampio servizio di controllo straordinario del territorio, gli uomini dell’Arma hanno tratto in arresto, in differenti circostanze, cinque persone, due donne e tre uomini, tutti responsabili a vario del reato di tentativo di furto aggravato in concorso.
Il primo episodio si è verificato in Viale Ferrovia ed ha visto protagoniste due cittadine romene, una ventiduenne e una ventitreenne entrambe residenti a Foggia. Singolare la tecnica di furto utilizzata dalle due ragazze: una di esse, infatti, sfruttando un momento di disattenzione di un automobilista, che aveva deciso di accostare per poter rispondere ad una chiamata che aveva ricevuto sul suo telefono cellulare, con un gesto repentino è riuscita ad introdursi nel veicolo con il conducente ancora a bordo, iniziando a rovistare frettolosamente nei vani portaoggetti, con la complicità della seconda donna che nel frattempo si era posizionata davanti all’automobile impedendone ogni possibilità di manovra.
Ma una pattuglia dei carabinieri in transito è intervenuta tempestivamente riuscendo a bloccare le due donne, anche con l’aiuto della vittima che si era subito resa conto della gravità della situazione. Entrambe sono state condotte in caserma ove, esperiti gli accertamenti di rito, sono state dichiarate in stato di arresto.
Il secondo fatto si è verificato la scorsa notte in Via Napoleone Battaglia, che ha visto coinvolti tre uomini, anch’essi di nazionalità romena e residenti a Foggia, di età compresa tra i 28 ed i 37 anni.
A dare l’allarme è stato un cittadino, il quale ha segnalato la presenza di tre persone intente ad armeggiare in maniera sospetta su un’auto in sosta. I militari si sono portati tempestivamente sul posto, cogliendo sul fatto i tre malfattori nel tentativo di rubare le ruote dell’autoveicolo. Scoperti, i rumeni hanno cercato di fuggire utilizzando il loro mezzo ma, dopo un breve inseguimento per le vie del centro abitato, sono stati bloccati e condotti in caserma per gli accertamenti di rito. Inchiodati alle loro responsabilità perché sorpresi in flagranza di reato, i rumeni sono stati dichiarati in stato di arresto e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari.
Nella giornata di ieri gli arresti sono stati tutti convalidati, e gli arrestati sono stati scarcerati e sottoposti all’obbligo di firma.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display