Lucera, il 27 aprile si inaugura il centro territoriale per l’autismo

Lucera, il 27 aprile si inaugura il centro territoriale per l’autismo

LUCERA – Il direttore generale della Asl Foggia Vito Piazzolla ha incontrato le associazioni di famiglie di persone affette da autismo. Nel corso della riunione, conclusasi con la proposta da parte di Piazzolla dell’istituzione di una Consulta, coordinata dal Dipartimento di Salute Mentale, è stato presentato il progetto relativo al nuovo Centro Territoriale per l’Autismo. Il Cat, con sede a Lucera, sarà inaugurato il prossimo 27 aprile alle 10 all’interno del Plesso “Lastaria“. All’incontro tecnico hanno partecipato le associazioni attive sul territorio: “Anffas”, “i Fun”, “Diversabili”, “Insieme per l’autismo”, “Straordinariamente abili”, “Solo uguali diritti”, “Angsa”Assieme a Piazzolla, hanno presentato il progetto il direttore del Dipartimento Antonello Bellomo e la neuropsichiatra infantile Vincenzina Borelli. Già da fine dicembre l’Azienda ha preso atto del Regolamento Regionale con il quale sono stati definiti, in via sperimentale, i requisiti della “Rete assistenziale territoriale sanitaria e sociosanitaria per i Disturbi dello Spettro Autistico“. Contestualmente, la Direzione ha avviato le procedure di attivazione di un Centro Territoriale per l’Autismo a gestione pubblica, afferente al Dipartimento di Salute Mentale, individuando, come sede, Lucera. A disposizione del Centro ci saranno una équipe dedicata all’età evolutiva e una all’autismo dell’adulto. Gli interventi di assistenza saranno modulati in base ai livelli di complessità della patologia e di intensità di cura. Come da regolamento, si farà valutazione multi-professionale e psicodiagnostica, elaborazione del progetto abilitativo-riabilitativo, supporto educativo e psicologico alla coppia genitoriale, elaborazione del progetto socio-riabilitativo per l’età adulta, attivazione di consulenze specialistiche. Per espressa volontà della Direzione Generale, il Cat, nato per fare diagnosi e cura, amplierà il servizio assicurando anche attività formativa. Si occuperà, infatti, di preparare professionisti specializzati al trattamento e alla presa in carico dei pazienti, non solo in età evolutiva, ma anche adulta. Campo, quest’ultimo, in cui la formazione è ancora carente. Il Centro – ha chiarito Piazzolla – avrà il compito di creare una forma di assistenza diffusa sul territorio per una presa in carico integrata attraverso la collaborazione in rete con le Associazioni. Il Dipartimento si occuperà di fare un censimento delle realtà associative presenti sul territorio e, insieme al Cat, farà da raccordo inserendo, nel progetto terapeutico, proprio le attività che risulteranno consolidate“. Pronta è stata la risposta delle associazioni che hanno assicurato alla Asl tutto il supporto e la collaborazione possibili per una organizzazione sinergica delle attività. Saranno presenti anche loro, il 27 aprile, a Lucera dove, attivate tutte le procedure di messa in sicurezza dei locali e di adeguamento degli spazi alle esigenze del Servizio, l’Azienda sarà pronta ad inaugurare il Servizio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+