Lucera, Scalfarotto (Pd) al capezzale del Tribunale

“La soppressione metterebbe a rischio il buon funzionamento della giustizia”

 

LUCERA – L’incubo soppressione per il Tribunale di Lucera resta, ma è possibile lo slittamento della riforma delle circoscrizioni giudiziarie. Ivan Scalfarotto, vicepresidente del Pd e membro della Commissione giustizia della Camera, scende in campo a difesa del Tribunale federiciano. “Da buon deputato eletto in Puglia mi sono occupato della situazione di uno dei tribunali da sopprimere, quello di Lucera. Ho guardato le carte e mi è sembrato evidente che, nella scelta dei 31 tribunali da cancellare, c’è stato qualcosa che davvero non ha funzionato. Il tribunale di Lucera rientra tra i maggiori tribunali sub provinciali per ogni parametro. Su 58, è il secondo per estensione, nono per numero di cause medie in arrivo sulle scrivanie dei giudici ogni anno, 15.mo per popolazione e per organico di magistrati. Quindi bene l’idea della riforma, ma attenzione ai casi di quei tribunali, come Lucera ed altri (penso a Rossano, Bassano del Grappa, Pinerolo, Chiavari, Tolmezzo e Urbino), la cui soppressione metterebbe a rischio il  buon funzionamento della giustizia. Prima di partire, insomma, assicuriamoci che una riforma di cui abbiamo certamente bisogno sia messa in pratica in modo da raggiungere nel modo migliore i suoi obiettivi di miglior efficienza e minori costi”. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+