Manfredonia, coltivava marijuana nel seminterrato di casa: arrestato

Manfredonia, coltivava marijuana nel seminterrato di casa: arrestato

MANFREDONIA – Nei giorni scorsi la polizia ha tratto in arresto Giulio Ciociola, manfredoniano di 18 anni, che si è reso responsabile dei reati di produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di marijuana.
In particolare, la polizia ha scoperto l’esistenza di un gruppo sipontino dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti presso l’area mercatale di Manfredonia. L’arrestato, uno degli spacciatori utilizzati dal sodalizio, aveva avviato una coltivazione di marijuana in un locale sotterraneo della sua abitazione.
Le piante di un’altezza di oltre mezzo metro, coltivate all’interno di un’organizzata serra artigianale, avevano prodotto già le prime foglie di marijuana che, non appena essiccate, sarebbero state destinate allo spaccio.
Verso le 11 del 21 agosto, gli agenti appostati notavano sopraggiungere una bicicletta condotta da Giulio Ciociola, il quale veniva bloccato dopo un’un’inutile fuga: nel marsupio sono state rinvenute tre “panette” di hascish per un quantitativo di trecento grammi circa.
La perquisizione è stata estesa al locale sotterraneo presso la sua abitazione, accertando la costruzione di una vera e propria serra artigianale volta alla produzione e coltivazione di marijuana. Sono state rinvenute alcune piantine dell’altezza di sessanta centimetri circa, nonché alcune dosi di marijuana essiccata e confezionata in cellophane pronte per il successivo spaccio. Inoltre è stato sequestrato tutto l’occorrente per la coltivazione, ossia un portalampada di metallo, una lampada alogena, dei contenitori di plastica contenenti vari concimi utilizzati per la coltivazione delle piante di marijuana ed un libretto di istruzioni per la preparazione e somministrazione dei concimi.
La sostanza stupefacente rinvenuta è stata sequestrata, e Ciociola è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, presso la sua abitazione a Manfredonia, in attesa della celebrazione del rito per direttissima.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display