Manfredonia, due arresti per spaccio di cocaina e uno su ordinanza di carcerazione

Manfredonia, due arresti per spaccio di cocaina e uno su ordinanza di carcerazione

MANFREDONIA – I carabinieri della hanno arrestato tre persone, due in flagranza di reato per concorso in detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente e una su ordine di carcerazione.

Il 37enne Teraoni Prioletti Michele e il 40enne Lupoli Michele sono stati arrestati nel corso di un servizio volto al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. Appreso che in una certa zona della città nelle prime ore pomeridiane due uomini, con un’auto scura, erano ormai soliti spacciare stupefacenti, i carabinieri hanno predisposto un apposito servizio in abiti civili. Verso le 15 circa hanno visto giungere nel luogo indicato l’autovettura di colore scuro, con due uomini a bordo che, lasciato il motore acceso, hanno iniziato uno strano viavai nelle vicinanze di una struttura. I militari hanno deciso di avvicinarsi per procedere al controllo di quei soggetti ma, appena questi hanno intuito che si poteva trattare di carabinieri, risaliti in tutta fretta in auto hanno effettuato repentinamente un’inversione di marcia dandosi alla fuga verso la vicina strada statale 89 direzione Mattinata. Nel corso dell’inseguimento i militari hanno notato volare fuori dal finestrino, lato passeggero, un oggetto, verosimilmente un pacchetto di sigarette, ma, nonostante questo, hanno proseguito ancora nell’inseguimento fin quando, poco dopo, grazie all’ausilio di un altro equipaggio sopraggiunto, sono finalmente riusciti a fermare i due procedendo alla loro identificazione. Mentre la seconda pattuglia era impegnata in questa fase, la prima è tornata indietro alla ricerca di quanto poco prima era stato gettato via, rinvenendo un pacchetto di sigarette con all’interno della sostanza stupefacente poi risultata essere cocaina.

Tre erano gli involucri che contenevano dosi già termosaldate di cellophane, per un numero complessivo di 21, per un peso pari a circa 15 grammi.

Le successive attività di perquisizione personale e veicolare hanno inoltre consentito di rinvenire la somma contante di oltre 400 euro, in banconote di vario taglio, ritenuta il probabile provento dell’attività illecita.

Avendo così accertato che Teraoni Prioletti Michele e Lupoli Michele detenevano cocaina per un peso complessivo pari a circa 15 grammi, suddivisi in 21 dosi, essendo evidente che la sostanza stupefacente illecitamente detenuta non fosse destinata all’uso personale bensì all’attività di cessione in favore di terzi, procedevano all’arresto in flagranza di entrambi.

Al termine delle formalità i due sono quindi stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa di giudizio. Autovettura, denaro e sostanza stupefacente rinvenuta sono invece stati posti sotto sequestro.

I carabinieri hanno proceduto poi all’arresto del 34enne Potenza Andrea, rintracciato a Manfredonia dopo essersi arbitrariamente allontanato dal Centro di cure ove era stato sottoposto in espiazione pena in prova, quale misura alternativa alla detenzione, nel Comune di Ortona a seguito di una sentenza emessa a suo carico dal Tribunale di Foggia per i reati di detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente e ricettazione. Proprio per questo, l’Ufficio di Sorveglianza di Pescara, il 3 luglio scorso, aveva emesso a suo carico apposito decreto di revoca della misura alternativa, disponendo che l’uomo fosse rintracciato, fermato e arrestato per poi essere condotto presso il più vicino istituto penitenziario.

E così, i carabinieri di Manfredonia, a distanza di un solo giorno, sono riusciti a rintracciarlo, conducendolo, al termine delle formalità, presso il carcere di Foggia.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display