Manfredonia, Energas è una follia per Di Maio

Manfredonia, Energas è una follia per Di Maio

MANFREDONIA – Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio– esponente di primo piano del Movimento Cinque Stelle – è stato ieri a Manfredonia, per affrontare le questioni Energas e Sangalli Vetro. Di Maio ha annunciato di voler ricorrere al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella per risolvere la grana della Sangalli Vetro. “Da uomo del Sud sono sicuro che farà sicuramente qualcosa. Inutile perdere tempo ha aggiunto con Regione e Governo. I dipendenti hanno il diritto di tornare a lavorare il prima possibile, senza se e senza ma”. Nella sede del Comune Di Maio ha poi affrontato questione Energas. “Bisogna fermare questa follia. Per questo abbiamo avviato le opportune diffide giudiziarie”. Sul suo profilo Facebook ha poi aggiunto:  “Nessuno ha mai chiesto ai cittadini di Manfredonia se volessero il deposito GPL più grande d’Europa nel salotto di casa. Nessuno gli ha mai chiesto se questo deposito dovesse nascere vicino alla base militare “Amendola”, sito della Nato. Nessuno gli ha mai spiegato perché il Governo definisca “strategico” un deposito privato, nonostante il Governo italiano non abbia mai redatto un piano energetico nazionale.  Più lo Stato non ascolta le comunità locali più i cittadini si organizzano per fermare i piani scellerati della politica. Dal Sindaco fino al Ministero, passando per la Regione Puglia, nessuno ha mai chiesto a quella comunità cosa ne pensasse di un’opera che mette a rischio la salute di migliaia di famiglie per rischi di incidenti o di attentati. È nata una resistenza civile, per ora fatta con atti giudiziari”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+