Monte Sant’Angelo, deteneva ordigni esplosivi in casa: in manette un 20enne

Monte Sant’Angelo, deteneva ordigni esplosivi in casa: in manette un 20enne

MONTE SANT’ANGELO – Importante sequestro di esplosivo illegalmente detenuto nell’area garganica. Si fa sempre più serrata la lotta al crimine nelle contrade periferiche di Monte Sant’Angelo.
In località Ruggiano, personale delle squadre anticrimine e di polizia giudiziaria ha tratto in arresto Tomaiuolo Tommaso, 20 anni, pregiudicato del luogo, resosi responsabile di detenzione e fabbricazione illecita di materiale esplosivo.
Nel corso di  una perquisizione domiciliare i poliziotti hanno rinvenuto a casa dell’uomo 47 ordigni esplosivi di fabbricazione artigianale, per un peso complessivo di oltre dieci chilogrammi. A seguito di attività informativa, i poliziotti hanno appreso che Tomaiuolo Tommaso, con precedenti di polizia specifici in materia di armi ed esplosivi, avrebbe custodito illegalmente armi e munizioni, presumibilmente utilizzati in gravi reati nell’area garganica, presso la sua abitazione. L’uomo è tra l’altro figlio di Tomaiuolo Luigi, assassinato il 5 maggio 2002, in località Macchia, agro di Monte Sant’Angelo.
Alle prime luci dell’alba è scattato il blitz ed i poliziotti hanno fatto irruzione in una villetta presa in affitto dall’uomo, già sospettato e deferito all’autorità giudiziaria per un atto intimidatorio nei confronti di un esercizio commerciale sipontino, presso il quale era stato collocato un ordigno esplosivo che aveva divelto la serranda e provocato danni ai mezzi parcheggiati nei pressi.
Il materiale è stato sequestrato con il supporto del personale del Nucleo artificieri della Questura di Bari che provvederà alla distruzione dell’esplosivo. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.
Nel corso della stessa operazione di polizia giudiziaria, è stato deferito all’autorità giudiziaria, R.P., di Monte Sant’Angelo, classe 1987, la cui perquisizione personale e domiciliare ha consentito il rinvenimento, all’interno del garage, di ventinove munizioni calibro 12 a palla singola. Le munizioni rinvenute sono state sottoposte a sequestro penale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display